Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Arricchimento di trapianti di grasso autologo con cellule staminali derivate da tessuto adiposo espanse ex-vivo per la sopravvivenza del trapianto


L’utilizzo del trapianto di grasso autologo è in costante crescita nella chirurgia ricostruttiva. Tuttavia, sono stati osservati tassi di riassorbimento dal 25% al 80%.
Sono dunque necessari metodi per aumentare la disponibilità del trapianto.

Sono stati riportati i risultati di uno studio in triplo cieco, controllato con placebo condotto per confrontare la sopravvivenza dei trapianti di grasso arricchiti con cellule staminali derivate da tessuto adiposo autologo versus trapianti di grasso non-arricchiti.

Partecipanti sani sono stati sottoposti a 2 liposuzioni a 14 giorni di distanza: una per l’isolamento delle cellule staminali e per l’espansione ex-vivo, e un altro per la preparazione del trapianto di grasso.

Due trapianti di grasso purificati ( 30 mL ciascuno ) raccolti con la seconda liposuzione sono stati preparati per ciascun partecipante.

Un trapianto è stato arricchito con cellule staminali [ 20 × 10(6) cellule per mL di grasso ], mentre un altro trapianto senza l’arricchimento di cellule staminali è servito come controllo.

I trapianti di grasso sono stati iniettati per via sottocutanea come bolo nella parte posteriore del braccio destro e sinistro in base alla sequenza di randomizzazione.

I volumi di grasso iniettato sono stati misurati con risonanza magnetica immediatamente dopo l’iniezione e 121 giorni dopo la rimozione chirurgica.

L’obiettivo primario era confrontare i volumi residui di trapianto arricchito con cellule staminali rispetto a quelli dei trapianti di controllo.

Sono stati arruolati 13 partecipanti, 3 dei quali sono stati esclusi.

Rispetto al trapianto controllo, quello arricchito con cellule staminali ha mostrato volumi residui significativamente più alti: 23.00 cm3 versus 4.66 cm3 per i controlli, che corrispondono a 80.9% versus 16.3% dei volumi iniziali, rispettivamente ( p inferiore a 0.0001 ).

La differenza tra i gruppi è stata pari a 18.34 cm3, equivalente a 64.6% ( p inferiore a 0.0001 ).

Non sono stati osservati eventi avversi gravi.

In conclusione la procedura di trapianto di grasso arricchito con cellule staminali derivate da tessuto adiposo mostra eccellenti fattibilità e sicurezza.
Questi risultati promettenti si aggiungono ai potenziali utilizzi di cellule staminali in contesti clinici, e hanno mostrato che l’arricchimento con cellule staminali potrebbe rendere il lipofilling ( lipoinfiltrazione ) un’alternativa affidabile all’aumento di tessuto, come la chirurgia mammaria, con materiale allogenico o alla chirurgia flap. ( Xagena )

Kølle SF et al, Lancet 2013; 382: 1113-1120

Chiru2013



Indietro