VATS Symposium
Chirurgia toracica
Xagena Mappa
Medical Meeting

Associazione tra un approccio chirurgico profilattico a piccoli tumori neuroendocrini intestinali di stadio IV e sopravvivenza


La resezione tumorale primaria e la dissezione linfonodale mesenterica in pazienti asintomatici con tumori neuroendocrini intestinali di stadio IV di piccole dimensioni ( SI-NET ) sono approcci controversi.
È stata determinata l'associazione tra chirurgia locoregionale eseguita alla diagnosi con gli esiti in pazienti con SI-NET asintomatici e metastasi a distanza.

Uno studio di coorte ha incluso pazienti asintomatici con SI-NET in stadio IV diagnosticati dal 1985 al 2015, identificati utilizzando il database prospettico di SI-NET dell'Uppsala University Hospital, Svezia.
I pazienti inclusi sono stati trattati presso un Centro di riferimento e seguiti fino al 2016.

I 363 pazienti con SI-NET in stadio IV senza sintomi addominali sono stati suddivisi tra quelli sottoposti a chirurgia profilattica primaria entro 6 mesi dalla diagnosi combinata con trattamento oncologico ( gruppo chirurgia locoregionale, n=161 ) e quelli sottoposti a trattamento non-chirurgico o a intervento ritardato, se necessario, combinato con un trattamento oncologico ( gruppo chirurgia locoregionale ritardata, n=202 ).

I principali risultati sono stati sopravvivenza generale ( OS ), durata della degenza ospedaliera ( LOS ), morbilità e mortalità postoperatorie e tassi di reintervento rispetto al basale.
La corrispondenza del punteggio di propensione è stata verificata tra i due gruppi.

I 363 pazienti hanno incluso 173 donne ( 47.7% ) e 190 uomini ( 52.3% ), con un'età media alla diagnosi di 62.4 anni.

Dopo l'abbinamento per punteggio di propensione sono risultati due gruppi isonumerici con 91 pazienti ciascuno. 

I gruppi chirurgia locoregionale e chirurgia loregionale ritardata sono risultati paragonabili per la sopravvivenza globale mediana ( 7.9 anni vs 7.6 anni; hazard ratio, HR=0.98; log-rank P=0.93 ) e sopravvivenza specifica per cancro ( 7.7 anni vs 7.6 anni; HR=0.99; log-rank P= 0.99 ).

Nessuna differenza è stata trovata riguardo alla mortalità a 30 giorni ( 0 pazienti in entrambi i gruppi abbinati ) o nella morbilità postoperatoria ( 2, 2.2%, vs 1, 1.1%; P maggiore di 0.99 ), chirurgia locoregionale mediana ( 73 giorni vs 76 giorni; P=0.64 ) o chirurgia locoregionale a causa di sintomi locali correlati al tumore ( 7 giorni vs 11.5 giorni; P=0.81 ), o riparazioni per ernia incisionale ( 4 pazienti, 4.4%, in entrambi i gruppi; P maggiore di 0.99 ).

I pazienti nel gruppo chirurgia locoregionale e sono stati sottoposti a più procedure di reintervento ( 13, 14.3% ) rispetto a quelli del gruppo chirurgia locoregionale ritardata ( 3, 3.3% ) a causa di ostruzione intestinale ( P minore di 0.001 ).

In conclusione, la chirurgia locoregionale primaria profilattica non ha conferito alcun vantaggio di sopravvivenza nei pazienti asintomatici con tumori neuroendocrini intestinali di stadio IV di piccole dimensioni in stadio IV.
La chirurgia ritardata, se necessaria, è stata paragonabile in tutti gli esiti esaminati ed è stata associata a un minor numero di reinterventi per ostruzione intestinale.
Il valore della chirurgia locoregionale a priori in presenza di metastasi a distanza deve essere chiarito in uno studio clinico randomizzato. ( Xagena2018 )

Daskalakis K et al, JAMA Oncol 2018; 4: 183-189

Onco2018 Gastro2018 Chiru2018



Indietro