Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Bypass coronarico nei pazienti diabetici e innesto della vena safena


Il peso delle malattie associate al diabete mellito è gravoso: gli adulti con diabete mellito hanno da 2 a 4 volte più probabilità di avere malattie cardiovascolari rispetto ai soggetti senza diabete, e almeno il 65% di loro morirà a causa delle complicanze del diabete.

La strategia di rivascolarizzazione in questo tipo di pazienti ha incluso interventi coronarici percutanei con stent di metallo nudo o stent medicati e interventi di bypass dell’arteria coronarica ( CABG ), ma è ben noto che nel paziente diabetico con due o più malattie dei vasi, la strategia chirurgica permette i migliori esiti a medio e lungo termine.

Inoltre, i benefici del bypass aorto-coronarico sono limitati dalla aspettativa di vita del tipo più comune di innesto, la vena safena.
Quasi 40 anni dopo l'introduzione dell’intervento chirurgico di bypass, il tasso di fallimento del trapianto di vena rimane a livelli elevati.

Diversi vasi arteriosi sono stati studiati come condotti alternativi alla vena safena: la arteria toracica interna destra ( RITA ), l’arteria radiale ( RA ), l'arteria gastroepiploica ( GEA ) e l'arteria epigastrica inferiore ( IEA ), 40 anni fa.

In una revisione della letteratura degli ultimi 15 anni, è stata segnalata la superiorità dell’innesto arterioso coronarico totale nel CABG, anche con follow-up a lungo termine. L’utilizzo di questo condotto aumenta il tempo operatorio, ma è stato dimostrato che migliora l'esito dei pazienti sottoposti a CABG coronarici.

Sebbene il diabete sia un fattore di rischio indipendente per la malattia coronarica e la restenosi dell’innesto, l'esito del paziente diabetico è significativamente migliorato con l'uso di innesto arterioso totale.

Ogni vaso arterioso citato, specialmente l'arteria radiale, sembra avere particolari indicazioni ed una zona di anastomosi preferenziale.

L'ampia applicazione e l'utilizzo di questi vasi devono essere provati con studi randomizzati multicentrici.

L'uso della rivascolarizzazione miocardica arteriosa totale debba essere incoraggiato e la cardiochirurgia è vicina ad evitare l'uso dell’innesto della vena safena nel paziente coronarico. ( Xagena2013 )

Molardi A et al, World J Cardiovasc Dis 2013; 3: 4A: 34417

Cardio2013 Chiru2013



Indietro