VATS Symposium
Chirurgia toracica
Xagena Mappa
Medical Meeting

Complicanze polmonari post-anestesia dopo l'uso di miorilassanti: studio POPULAR


I risultati di studi retrospettivi hanno indicato che l'uso di agenti bloccanti neuromuscolari durante l'anestesia generale possa essere collegato a complicanze polmonari postoperatorie.
Si è valutato se l'uso di bloccanti neuromuscolari sia associato a complicanze polmonari postoperatorie.

È stato condotto uno studio di coorte osservazionale multicentrico e prospettico. I pazienti sono stati reclutati da 211 ospedali in 28 Paesi europei.
Sono stati inclusi pazienti di età a partire da 18 anni che hanno ricevuto una anestesia generale per qualsiasi procedura intraospedaliera eccetto la chirurgia cardiaca.

Le caratteristiche del paziente, i dettagli chirurgici e anestetici e la revisione delle cartelle cliniche alla dimissione sono stati raccolti in modo prospettico nell'arco di 2 settimane.
Inoltre, ciascun paziente è stato sottoposto a visita medica postoperatoria entro 3 giorni dall'intervento per verificare eventi avversi polmonari.

L'esito dello studio era l'incidenza delle complicanze polmonari postoperatorie dalla fine dell'intervento fino al giorno 28 postoperatorio.
Le analisi di regressione logistica sono state aggiustate per i fattori chirurgici e lo stato fisico preoperatorio dei pazienti, fornendo odds ratio aggiustati ( aOR ) e riduzione del rischio assoluto aggiustato ( aARR ).

Tra il 2014 e il 2015 sono stati raccolti dati da 22.803 pazienti.

L'uso di bloccanti neuromuscolari è stato associato a una aumentata incidenza di complicanze polmonari postoperatorie in pazienti sottoposti ad anestesia generale ( 1.658 su 21.694, 7.6% ); aOR=1.86; aARR -4.4% ).

Solo il 2.3% dei pazienti chirurgici ad alto rischio e quelli con profili respiratori avversi sono stati anestetizzati senza bloccanti neuromuscolari.

L'uso del monitoraggio neuromuscolare ( aOR=1.31; aARR -2.6% ) e la somministrazione di agenti di inversione non sono stati associati a un ridotto rischio di complicanze polmonari postoperatorie.

Né la scelta di Sugammadex invece di Neostigmina per l'inversione ( aOR=1.03; aARR -0.3% ) né l’estubazione a un rapporto TOF ( train-of-four ) di 0.9 o più, sono state associate a migliori esiti polmonari.

È stato dimostrato che l'uso di bloccanti neuromuscolari in anestesia generale è associato a un aumentato rischio di complicanze polmonari postoperatorie.
Gli anestesisti devono bilanciare i potenziali benefici del blocco neuromuscolare con l'aumento del rischio di complicanze polmonari postoperatorie. ( Xagena2019 )

Kirmeier E et al, Lancet Respiratory Medicine 2019; 7: 129-140

Pneumo2019 Chiru2019 Farma2019


Indietro