Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Durata ed entità del rischio di tromboembolismo venoso postoperatorio in donne di mezza età


È stato svolto uno studio prospettico di coorte con l’obiettivo di esaminare la durata e l’entità del rischio di tromboembolia venosa dopo diversi tipi di intervento chirurgico.

Sono stati utilizzati i dati del questionario impiegato nel Million Women Study, correlati ai ricoveri in ospedale e ai registri dei decessi.
Le partecipanti allo studio erano 947.454 donne di mezza età nel Regno Unito, reclutate tra il 1996 e il 2001.

Durante il follow-up ci sono stati 239.614 ricoveri per interventi chirurgici; 5.419 donne sono state ricoverate, mentre 270 sono decedute, per tromboembolismo venoso.

Le principali misure di esito erano i rischi relativi aggiustati e i tassi di incidenza standardizzati di ospedalizzazione o di morte per tromboembolia venosa ( embolia polmonare o trombosi venosa profonda ).

Rispetto a non avere subito un intervento chirurgico, le donne avevano 70 volte più probabilità di essere ricoverate con tromboembolia venosa nelle prime 6 settimane dopo un intervento ospedaliero ( rischio relativo, RR=69.1 ) ed erano 10 volte più a rischio dopo un’operazione in day-hospital ( RR=9.6 ).

I rischi sono stati inferiori, ma ancora sensibilmente aumentati, 7-12 settimane dopo l'intervento chirurgico ( RR=19.6 e RR=5.5, rispettivamente ).
Questo modello di rischio era simile per l’embolia polmonare ( n=2.487 ) e la trombosi venosa profonda ( n=3.529 ).

Il rischio di tromboembolia venosa postoperatoria è variato considerevolmente in base al tipo di intervento chirurgico, con il più alto rischio relativo dopo un intervento per sostituzione dell'anca o del ginocchio e per tumore; 1-6 settimane dopo l'intervento i rischi relativi sono stati, rispettivamente, 220.6 e 91.6.

In conclusione, il rischio di trombosi venosa profonda ed embolia polmonare dopo un intervento chirurgico è notevolmente aumentato nelle prime 12 settimane post-operatorie, ed è variato notevolmente in base al tipo di intervento chirurgico.

Si stima che, in Gran Bretagna, 1 donna di mezza età su 140, sottoposte ad intervento chirurgico, sarà ricoverata di nuovo per tromboembolismo venoso durante le 12 settimane successive all'intervento chirurgico ( 1 su 45 dopo la sostituzione del ginocchio o dell'anca e 1 su 85 dopo intervento chirurgico per tumore ), rispetto a 1 su 815 dopo intervento chirurgico in day hospital, e solo 1 su 6.200 nel corso di un periodo di 12 settimane senza interventi chirurgici. ( Xagena2009 )

Sweetland S et al, BMJ 2009; 339: 4583-4590


Chiru2010 Emo2010


Indietro