Chirurgia toracica
VATS Symposium
Xagena Mappa
Medical Meeting

Effetto del precondizionamento ischemico remoto sul danno renale in pazienti ad alto rischio sottoposti a cardiochirurgia


Nessun intervento è stato ancora individuato per ridurre il rischio di danno renale acuto nel contesto della cardiochirurgia.
Si è determinato se il precondizionamento ischemico remoto riduce la velocità e la gravità del danno renale acuta nei pazienti sottoposti a chirurgia cardiaca.

In uno studio multicentrico, sono stati arruolati 240 pazienti ad alto rischio di danno renale acuto, come identificato da un punteggio Cleveland Clinic Foundation di 6 o superiore nel periodo 2013-2014 presso 4 ospedali in Germania.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere precondizionamento ischemico remoto o precondizionamento ischemico remoto simulato ( controllo ).

Tutti i pazienti hanno completato il follow-up di 30 giorni dopo l'intervento e sono stati analizzati secondo il principio intention-to-treat.

Ai pazienti è stato somministrato precondizionamento ischemico remoto ( 3 cicli di 5 minuti di ischemia e 5 minuti di riperfusione in un braccio dopo l'induzione della anestesia ) o precondizionamento ischemico remoto simulato ( controllo ), entrambi attraverso il bracciale di gonfiaggio per la pressione sanguigna.

L'end point primario era il tasso di danno renale acuto definito dai criteri KDIGO ( Kidney Disease: Improving Global Outcomes ) entro le prime 72 ore dopo la chirurgia cardiaca.
Gli endpoint secondari includevano l’uso della terapia renale sostitutiva, la durata del ricovero in rianimazione, l’insorgenza di infarto miocardico e ictus, mortalità in ospedale e a 30 giorni, e cambiamento nei biomarcatori di danno renale acuto.

Il danno renale acuto è risultato significativamente ridotto con il precondizionamento ischemico remoto ( 45 su 120 pazienti, 37.5% ) rispetto al controllo ( 63 su 120 pazienti, 52.5%; riduzione del rischio assoluto, 15%; P=0.02 ).

Meno pazienti trattati con il precondizionamento ischemico remoto hanno ricevuto una terapia renale sostitutiva ( 7, 5.8% vs 19, 15.8%; riduzione del rischio assoluto, 10%; P=0.01 ), e il precondizionamento ischemico remoto ha ridotto il periodo di ricovero in terapia intensiva ( 3 giorni vs 4 giorni; P=0.04 ).

Non c'è stato alcun effetto significativo del precondizionamento ischemico remoto su infarto miocardico, ictus o mortalità.

Il precondizionamento ischemico remoto ha significativamente attenuato il rilascio della proteina legante il fattore di crescita urinaria 7 e di inibitore tissutale delle metalloproteinasi 2 dopo l'intervento ( precondizionamento ischemico remoto, 0.36 vs controllo, 0.97 ng/ml2/1000; differenza, 0.61; P minore di 0.001 ).

Non sono stati riportati eventi avversi con il precondizionamento ischemico remoto.

In conclusione, tra i pazienti ad alto rischio sottoposti a chirurgia cardiaca, il precondizionamento ischemico remoto rispetto a nessun precondizionamento ischemico ha ridotto significativamente il tasso di danno renale acuto e l'uso della terapia sostitutiva renale.
La riduzione osservata nel tasso di danno renale acuto e nella necessità di sostituzione renale richiede ulteriori indagini. ( Xagena2015 )

Zarbock A et al, JAMA 2015; 313: 2133-2141

Cardio2015 Chiru2015 Nefro2015



Indietro