Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Entità dell'aumento acuto della creatinina sierica dopo chirurgia cardiaca e rischio di malattia renale cronica, progressione della malattia renale e morte


Gli esiti a lungo termine dopo danno renale acuto rimangono poco definiti.

I ricercatori del Minneapolis Veterans Affairs Health Care System e dell’University of Minnesota hanno compiuto uno studio con l’obiettivo di determinare l'associazione tra l'entità di aumento della creatinina dopo chirurgia cardiaca e il rischio di malattia renale cronica incidente, progressione della malattia renale cronica e morte.

Sono stati identificati 29.388 individui sottoposti a chirurgia cardiaca negli ospedali dei Veterans Affairs nel periodo 1999-2005.

L'entità dell’aumento della creatinina è stata definita dalla variazione della percentuale dal livello basale al picco di creatinina dopo la chirurgia cardiaca e classificata come nessuna ( inferiore o pari a 0%) o come classe I, ( 1-24% ), II ( 25-49% ), III ( 50-99% ), o IV ( maggiore o pari al 100% ).

I rischi relativi per gli esiti sono aumentati monotonicamente con maggiori aumenti dei livelli di creatinina rispetto a nessuna variazione dei livelli di creatinina.

I rischi relativi per gli esiti avversi sono risultati significativamente maggiori immediatamente dopo l'aumento della creatinina e si sono attenuati nel tempo.

Tre mesi dopo l'intervento chirurgico, le classi di aumento della creatinina I, II, III e IV sono state associate a un maggior rischio di malattia renale cronica incidente ( hazard ratio, HR 2.1, 4.0, 5.8 e 6.6, rispettivamente; tutti P minore di 0.01 ), progressione dello stadio di malattia renale cronica ( HR 2.5, 3.8, 4.4 e 8.0; tutti P minore di 0.01 ) e mortalità a lungo termine ( HR 1.4, 1.9, 2.8 e 5.0, tutti P minore di 0.01 ).

A 5 anni, le associazioni sono state inferiori: malattia renale cronica incidente ( HR 1.4, 1.9, 2.3 e 2.3, tutti P minore di 0.01 ), progressione di malattia renale cronica ( HR 1.5, 1.7, 1.7 e 2.4, tutti P minore di 0.01 ) e mortalità ( HR 1.0, 1.2, 1.4 e 1.8, tutti P minore di 0.01, esclusa la classe I ).

In conclusione, l'entità dell’aumento della creatinina dopo chirurgia cardiaca è risultata associata in modo graduale a un aumento del rischio di malattia renale cronica incidente, progressione di malattia renale cronica e mortalità. ( Xagena2011 )

Ishani A et al, Arch Intern Med 2011; 171: 226-233


Nefro2011 Cardio2011 Chiru2011



Indietro