Chirurgia toracica
VATS Symposium
Xagena Mappa
Medical Meeting

Ipotermia terapeutica in donatori d'organo deceduti e funzionalità del trapianto renale


La ritardata funzionalità del trapianto, riportata nel 50% dei destinatari di trapianto di rene, è associata a un aumento dei costi e a una diminuita funzione del trapianto a lungo termine.
Non è chiaro l'effetto che una lieve ipotermia mirata nei donatori di organo prima del recupero dell’organo abbia sul tasso di funzione tardiva del trapianto.

Sono stati arruolati donatori di organi ( dopo la dichiarazione di morte in base ai criteri neurologici ) da due aree di donazione di grandi dimensioni e sono stati assegnati in maniera casuale a uno di due intervalli di temperatura mirati: 34-35 °C ( ipotermia ) o 36.5-37.5 °C ( normotermia ).

I protocolli di temperatura, avviati dopo aver ottenuto l'autorizzazione per l'organo da donare e per la partecipazione del donatore allo studio, si è conclusa quando i donatori di organi hanno lasciato il reparto di terapia intensiva per il recupero d'organo in sala operatoria.

L'esito primario era la ritardata funzione del trapianto nei destinatari di rene, definito come il requisito per la dialisi durante la prima settimana dopo il trapianto.
Gli esiti secondari sono stati i tassi dei singoli organi trapiantati in ciascun gruppo di trattamento e il numero totale di organi trapiantati da ciascun donatore.

Lo studio è stato interrotto precocemente, su raccomandazione di un Comitato indipendente di monitoraggio dei dati e della sicurezza, dopo che l'analisi ad interim ha mostrato l’efficacia della ipotermia.

Alla conclusione della sperimentazione, erano stati arruolati 370 donatori di organi ( 180 nel gruppo ipotermia e 190 nel gruppo normotermia ).

In totale 572 pazienti hanno ricevuto un trapianto di rene ( 285 reni da donatori nel gruppo ipotermia e 287 reni da donatori nel gruppo normotermia ).

Una ritardata funzionalità del trapianto si è sviluppata in 79 destinatari di reni da donatori nel gruppo ipotermia ( 28% ) e in 112 destinatari di reni da donatori nel gruppo normotermia ( 39% ) ( odds ratio, OR=0.62; P=0.02 ).

In conclusione, una ipotermia lieve, rispetto alla normotermia, in donatori di organo dopo la dichiarazione di morte in base a criteri neurologici, ha ridotto significativamente l'incidenza di ritardata funzionalità del trapianto tra i beneficiari. ( Xagena2015 )

Niemann CU et al, N Engl J Med 2015; 373: 405-414

Nefro2015 Med2015 Chiru2015



Indietro