Chirurgia toracica
VATS Symposium
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Ricorrenza di cancro alla mammella dopo anestesia regionale o generale


Tre fattori perioperatori compromettono la difesa dell'ospite contro la recidiva durante un intervento chirurgico per tumore: la risposta allo stress chirurgico, l'uso di anestetico volatile e gli oppioidi per l'analgesia.
Tutti i fattori sono migliorati dall'anestesia-analgesia regionale.

È stata valutata l'ipotesi primaria secondo cui la ricorrenza del tumore mammario dopo un intervento chirurgico potenzialmente curativo sia più bassa con l'anestesia-analgesia regionale usando blocchi paravertebrali e il Propofol anestetico rispetto all'anestesia generale con Sevoflurano ( Sevorane ) anestetico volatile e analgesia oppioide.
Una seconda ipotesi era che l'anestesia-analgesia regionale possa ridurre il dolore incisionale persistente.

È stato condotto uno studio controllato randomizzato presso 13 ospedali in Argentina, Austria, Cina, Germania, Irlanda, Nuova Zelanda, Singapore e Stati Uniti.
Le donne ( età inferiore a 85 anni ) con resezioni primarie potenzialmente curative del tumore mammario sono state randomizzate ad anestesia-analgesia regionale ( blocchi paravertebrali e Propofol ) o ad anestesia generale ( Sevoflurano ) e analgesia oppioide.

L'esito primario era la recidiva locale o metastatica del tumore al seno. L'esito secondario era il dolore incisionale a 6 e 12 mesi.
Le analisi primarie sono state condotte per intention-to-treat.

Lo studio è stato interrotto dopo aver attraversato un confine di futilità pianificato.

Tra il 2007 e il 2018, 2.132 donne sono state arruolate nello studio, di cui 24 sono state escluse prima dell'intervento chirurgico.
1.043 sono state assegnate all'anestesia-analgesia regionale e 1.065 sono state assegnate all'anestesia generale.
Le caratteristiche di base erano ben bilanciate tra i gruppi di studio.

Il follow-up mediano è stato di 36 mesi.

Tra le donne cui è stata assegnata l'anestesia-analgesia regionale, sono state riportate 102 recidive ( 10% ), rispetto a 111 recidive ( 10% ) tra quelle assegnate all'anestesia generale ( hazard ratio, HR=0.97, P=0.84 ).

Il dolore incisionale è stato riportato da 442 su 856 pazienti ( 52% ) assegnate ad anestesia-analgesia regionale e 456 su 872 pazienti ( 52% ) assegnate ad anestesia generale a 6 mesi, e da 239 su 854 pazienti ( 28% ) e 232 su 852 pazienti ( 27% ), rispettivamente, a 12 mesi ( odds ratio ad interim aggiustato globale, OR=1.00, P=0.99 ).

Il dolore neuropatico al seno non differiva per tecnica anestetica ed è stato riportato da 87 su 859 pazienti ( 10% ) assegnate ad anestesia-analgesia regionale e 89 su 870 pazienti ( 10% ) assegnate ad anestesia generale a 6 mesi e da 57 su 857 pazienti ( 7% ) e 57 su 854 pazienti ( 7% ), rispettivamente, a 12 mesi.

Nella popolazione di studio, l'anestesia-analgesia regionale ( blocco paravertebrale e Propofol ) non ha ridotto la ricorrenza di tumore al seno dopo un intervento chirurgico potenzialmente curativo rispetto all'anestesia volatile ( Sevoflurano ) e agli oppioidi.
La frequenza e la gravità del dolore incisionale persistente al seno non sono state influenzate dalla tecnica anestetica.
I medici possono utilizzare l'anestesia regionale o generale per quanto riguarda la recidiva del tumore alla mammella e il dolore incisionale persistente. ( Xagena2019 )

Sessler DI et al, Lancet 2019; 394: 1807-1815

Onco2019 Gyne2019 Farma2019 Chiru2019


Indietro