Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Rischio di tumore tra coloro che ricevono trapianto di organo solido


Coloro che ricevono trapianto di organo solido presentano un elevato rischio di cancro a causa di immunosoppressione e infezioni da virus oncogenici.
Poiché molte precedenti ricerche hanno riguardato riceventi trapianto di rene, studi più ampi che includono riceventi di diversi organi possono fornire informazioni sulla eziologia del cancro.

È stato condotto uno studio per descrivere il pattern generale di cancro in seguito a trapianto di organo solido.

Lo studio di coorte è stato condotto utilizzando dati su riceventi di trapianto di organo solido dal registro statunitense US Scientific Registry of Transplant Recipients ( 1987-2008 ) e 13 registri oncologici nazionali e regionali.

Le principali misure di esito erano i tassi di incidenza standardizzati ( SIR ) e gli eccessi di rischio assoluto ( EAR ) riguardo al rischio di cancro relativo e assoluto in riceventi trapianto rispetto alla popolazione generale.

Sono stati presi in esame dati relativi a 175.732 trapianti di organo solido ( 58.4% rene, 21.6% fegato, 10.0% cuore e 4.0% polmone ).

Il rischio generale di tumore è risultato elevato con 10.656 casi, e una incidenza di 1.375 per 100.000 anni-persona ( SIR=2.10; EAR=719.3 per 100.000 anni-persona ).

Il rischio è risultato aumentato per 32 diversi tumori, alcuni correlati a infezioni note ( carcinoma anale, sarcoma di Kaposi ) e altri non-legati a tali infezioni note ( melanoma, tumore alla tiroide e tumore del labbro ).

Le più comuni neoplasie con rischio elevato sono state: linfoma non-Hodgkin ( n=1504; incidenza: 194.0 per 100.000 anni-persona; SIR=7.54; EAR=168.3 per 100.000 anni-persona ) e carcinomi polmonari ( n=1344; incidenza: 173.4 per 100.000 anni-persona; SIR=1.97; EAR=85.3 per 100.000 anni-persona ), epatici ( n=930; incidenza: 120.0 per 100.000 anni-persona; SIR=11.56; EAR=109.6 per 100.000 anni-persona ) e renale ( n=752; incidenza: 97.0 per 100.000 anni-persona; SIR=4.65; EAR=76.1 per 100.000 anni-persona ).

Il rischio di carcinoma polmonare è risultato massimo nei riceventi di trapianto di polmone ( SIR=6.13 ), ma era aumentato anche tra gli altri riceventi ( rene: SIR=1.46; fegato: SIR=1.95 e cuore: SIR=2.67 ).

Il rischio di carcinoma epatico è risultato elevato solo tra persone riceventi trapianto di fegato ( SIR=43.83 ), che hanno manifestato un rischio eccezionale nei primi 6 mesi ( SIR=508.97 ) e un eccesso di rischio di due volte per il periodo da 10 a 15 anni in seguito ( SIR=2.22 ).

Tra i riceventi trapianto di rene, il rischio di carcinoma renale è risultato elevato ( SIR=6.66 ) e bimodale nel tempo di insorgenza.
Il rischio di carcinoma renale è apparso aumentato anche nei riceventi trapianto di fegato ( SIR=1.80 ) e di cuore ( SIR=2.90 ).

In conclusione, rispetto alla popolazione generale, coloro che ricevono trapianto di rene, fegato, cuore o polmone vanno incontro a un aumento del rischio di diversi tumori correlati o non-correlati alla infezione. ( Xagena2011 )

Engels EA et al, JAMA 2011; 306: 1891-1901

Chiru2011 Onco2011



Indietro