VATS Symposium
Chirurgia toracica
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Sicurezza della aggiunta di Protossido di azoto per la anestesia generale nei pazienti a rischio durante chirurgia non-cardiaca


Il Protossido d'azoto è comunemente usato nella anestesia generale, ma esistono tumori sulla possibilità che aumenti il rischio cardiovascolare perioperatorio.
Sono state raccolte prove per stabilire se il Protossido di azoto abbia effetto sul rischio cardiovascolare perioperatorio.

È stato effettuato uno studio internazionale randomizzato, in cieco, in pazienti di età inferiore a 45 anni, con malattia coronarica nota o sospetta e interventi di chirurgia non-cardiaca.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere un anestetico generale, con o senza Protossido di azoto.

L'endpoint primario era un composito di morte e di complicanze cardiovascolari ( infarto del miocardio non-fatale, ictus, embolia polmonare, o arresto cardiaco ) entro 30 giorni dall'intervento.

La popolazione intention-to-treat modificata ha incluso tutti i pazienti assegnati in modo casuale ai gruppi e sottoposti a induzione di anestesia generale per intervento chirurgico.

Dei 10.102 pazienti eleggibili, sono stati arruolati 7.112 pazienti nel periodo 2008-2013.
3.543 sono stati assegnati a ricevere il Protossido di azoto e 3.569 sono stati assegnati a non-ricevere il Protossido di azoto.
3.483 pazienti trattati con Protossido di azoto e 3.509 che non hanno ricevuto Protossido di azoto sono stati valutati per l'esito primario.

L'esito primario si è verificato in 283 pazienti ( 8% ) trattati con Protossido di azoto e in 296 pazienti ( 8% ) che non hanno ricevuto il Protossido di azoto ( rischio relativo, RR=0.96, P=0.64 ).

L’infezione del sito chirurgico si è verificata in 321 pazienti ( 9% ) assegnati al Protossido di azoto e in 311 pazienti ( 9% ) nel gruppo senza Protossido di azoto ( P=0.61 ), nausea e vomito si sono verificati in 506 pazienti ( 15% ) assegnati al Protossido di azoto e in 378 pazienti ( 11% ) non assegnati al Protossido di azoto ( P minore di 0.0001 ).

I risultati supportano il profilo di sicurezza di utilizzo del Protossido di azoto nella chirurgia maggiore non-cardiaca.

Il Protossido di azoto non ha aumentato il rischio di morte e di complicanze cardiovascolari o di infezioni del sito chirurgico.
L'effetto emetogeno del Protossido di azoto può essere controllato con la profilassi antiemetica, ed è stato dimostrato un effetto desiderato di riduzione dell'uso di agenti volatili. ( Xagena2014 )

Myles PS et al, Lancet 2014;384:1446-1454

Med2014 Chiru2014 Farma2014


Indietro