Chirurgia toracica
VATS Symposium
Xagena Mappa
Medical Meeting

Strategia di trasfusione liberale o restrittiva dopo cardiochirurgia


Non è accertato se una soglia restrittiva per il livello di emoglobina nelle trasfusioni di globuli rossi, rispetto a una soglia liberale, riduca la morbilità postoperatoria e i costi di assistenza sanitaria dopo la chirurgia cardiaca.

È stato condotto uno studio multicentrico, a gruppi paralleli, in cui i pazienti di età superiore a 16 anni che sono stati sottoposti a chirurgia cardiaca non di emergenza sono stati reclutati da 17 Centri nel Regno Unito.

I pazienti con un livello di emoglobina postoperatorio inferiore a 9 g per decilitro sono stati assegnati in modo casuale a una soglia trasfusionale restrittiva ( livello di emoglobina minore di 7.5 g per decilitro ) o a una soglia trasfusionale liberale ( livello di emoglobina minore di 9 g per decilitro ).

L'esito primario era una grave infezione ( sepsi o infezione della ferita ) o un evento ischemico ( ictus permanente, con conferma da imaging cerebrale e deficit nelle funzioni motorie, sensitive, o di coordinamento; infarto miocardico, infarto intestinale, o insufficienza renale acuta ) entro 3 mesi dopo la randomizzazione.

I costi sanitari, escludendo l'intervento indice, sono stati stimati dal giorno dell'intervento fino a 3 mesi dopo l'intervento chirurgico.

In totale, 2.007 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione; 4 partecipanti si sono ritirati, il gruppo con soglia restrittiva è risultato composto da 1.000 soggetti e il gruppo con soglia liberale da 1.003.

I tassi di trasfusione dopo la randomizzazione sono stati, rispettivamente, pari a 53.4% e 92.2% nei due gruppi.

L'esito primario si è verificato nel 35.1% dei pazienti nel gruppo con soglia restrittiva e nel 33.0% dei pazienti nel gruppo con soglia liberale ( odds ratio, OR=1.11; P=0.30 ); non vi è stata alcuna indicazione di eterogeneità secondo i sottogruppi.

Ci sono stati più decessi nel gruppo con soglia restrittiva rispetto al gruppo con soglia liberale ( 4.2% vs 2.6%; hazard ratio, HR=1.64; P=0.045 ).

Complicanze postoperatorie gravi, esclusi gli eventi di esito primario, si sono verificate nel 35.7% dei partecipanti nel gruppo con soglia restrittiva e nel 34.2% dei partecipanti nel gruppo con soglia liberale.

I costi totali non differivano significativamente tra i due gruppi.

In conclusione, una soglia trasfusionale restrittiva dopo chirurgia cardiaca non è risultata superiore a una soglia liberale rispetto alla morbilità o ai costi di assistenza sanitaria. ( Xagena2015 )

Murphy GJ et al, N Engl J Med 2015;372:997-1008

Cardio2015 Emo2015 Chiru2015



Indietro