VATS Symposium
Chirurgia toracica
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Uso prolungato di oppiacei dopo chirurgia maggiore


Sono stati descritti i tassi e i fattori di rischio per l'uso prolungato post-operatorio di oppioidi in pazienti che non avevano precedentemente utilizzato oppioidi e si erano sottoposti a chirurgia maggiore elettiva.

È stato effettuato uno studio di coorte retrospettivo, che ha riguardato ospedali in Ontario, Canada, nel periodo 2003-2010.

Hanno preso parte allo studio 39.140 pazienti naïve agli oppioidi di età a partire da 66 anni che avevano subito interventi di chirurgia maggiore elettiva, compresi interventi cardiaci, intratoracici, intra-addominali e pelvici.

L’endpoint principale era il prolungato uso di oppiacei dopo la dimissione, definito dalle prescrizioni per oppioidi per più di 90 giorni dopo l'intervento.

Dei 39.140 pazienti in tutta la coorte, il 49.2% ( n=19.256 ) è stato dimesso dall'ospedale con una prescrizione di oppioidi, e il 3.1% ( n=1.229 ) ha continuato a ricevere oppioidi per più di 90 giorni dopo l'intervento.

Dopo regolazione del rischio, i fattori relativi al paziente associati a rischi significativamente più elevati di prolungato consumo di oppiacei hanno incluso giovane età, più basso reddito familiare, comorbidità specifiche ( diabete mellito, insufficienza cardiaca, malattia polmonare ) e uso di farmaci specifici prima dell'intervento ( benzodiazepine, inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina [ SSRI ], inibitori dell'enzima di conversione dell’angiotensina [ Ace inibitori ] ).

Anche il tipo di intervento chirurgico è stato altamente associato all'uso prolungato di oppiacei.

Rispetto alle prostatectomie radicali a cielo aperto, sia le procedure toraciche in aperto sia quelle mini-invasive sono state associate a rischi significativamente più elevati ( odds ratio, OR= 2.58 e OR=1.95, rispettivamente ).

Di contro, le principali procedure ginecologiche a cielo aperto e minimamente invasive sono state associate con rischi notevolmente inferiori ( 0.73 e 0.45, rispettivamente ).

In conclusione, circa il 3% dei pazienti precedentemente naïve agli oppioidi ha continuato ad usare oppioidi per più di 90 giorni dopo interventi di chirurgia maggiore elettiva.
Specifiche caratteristiche del paziente e chirurgiche sono state associate con lo sviluppo dell'uso postoperatorio prolungato di oppioidi.
Questi risultati possono aiutare a comprendere meglio i rischi a lungo termine del trattamento con oppioidi per il dolore acuto postoperatorio e a definire sottogruppi di pazienti che necessitano di interventi per prevenire la progressione a un prolungato uso post-operatorio di oppiacei. ( Xagena2014 )

Clarke H et al, BMJ 2014; 348: g1251

Chiru2014 Farma2014


Indietro