Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Valore prognostico dei peptidi natriuretici di tipo B pre-operatori e post-operatori nei pazienti sottoposti a chirurgia non-cardiaca


Uno studio ha determinato se la misurazione post-operatoria dei peptidi natriuretici di tipo B ( peptide natriuretico di tipo B, BNP; frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B, NT-proBNP ) possa migliorare la stratificazione del rischio in pazienti adulti sottoposti a chirurgia non-cardiaca nei quali è stato misurato un peptide natriuretico in fase pre-operatoria.

Le concentrazioni di peptidi natriuretici pre-operatorie sono potenti predittori indipendenti di complicanze cardiovascolari perioperatorie, ma recenti studi hanno riportato che elevate concentrazioni di peptidi natriuretici post-operatorie sono indipendentemente associate con queste complicazioni.
Non è chiaro se vi sia un valore nel misurare i peptidi natriuretici post-operatori quando è stata eseguita una misurazione pre-operatoria.

È stata condotta una revisione sistematica e una meta-analisi dei dati dei singoli pazienti per determinare se l'aggiunta dei livelli di peptidi natriuretici post-operatori abbia migliorato la previsione del composito di morte e di infarto miocardico non-fatale a 30 e a 180 giorni o più dall'intervento chirurgico.

Un totale di 18 studi ha forniti dati dei singoli pazienti ( n=2.179 ).

L’aggiunta dei peptidi natriuretici post-operatori a un modello di previsione di rischio contenente peptidi natriuretici pre-operatori ha migliorato l’aderenza al modello e la classificazione del rischio sia a 30 giorni ( quasi-verosomiglianza corretta con il criterio di modello di indipendenza: 1.280-1.204; indice di riclassificazione netta: 20%, P minore di 0.001 ) sia a 180 giorni e oltre ( quasi-verosomiglianza corretta con il criterio di modello di indipendenza: 1.320-1.300; indice di riclassificazione netta: 11%, P=0.003 ).

Il più forte predittore indipendente di esito primario a 30 giorni ( odds ratio, OR=3.7; P minore di 0.001 ) e a 180 giorni e oltre ( OR=2.2; P minore di 0.001 ) dopo l'intervento chirurgico era rappresentato dall’elevato valore dei peptidi natriuretici post-operatori.

In conclusione, la misurazione aggiuntiva post-operatoria dei peptici natriuretici ha migliorato la stratificazione del rischio per gli esiti compositi di morte o infarto miocardico non-fatale a 30 giorni e 180 giorni o più dopo intervento chirurgico non-cardiaco, rispetto a una misurazione dei peptici natriuretici solamente pre-operatoria. ( Xagena2014 )

Rodseth RN et al, J Am Coll Cardiol 2014; 63: 170-180

Cardio2014 Chiru2014



Indietro